Respirazione diaframmatica

resp_diaf

Posizionate una mano sul petto ed una sulla pancia ed iniziate una respirazione. Se durante la fase di inspirazione non sentirete gonfiare la pancia, probabilmente avete una respirazione alterata.

La causa di una scorretta respirazione è legata allo stile di vita, allo stress, ai problemi affrontati quotidianamente, alle ansie… Tutti fattori che portano a respirare prevalentemente col petto anziché la pancia e a mantenere per tutta la giornata un blocco inspiratorio. Molte persone sono incapaci di buttare fuori l’aria, di svuotare i polmoni e quindi abbassare il costato e, in alcuni, si può notare il respiro corto anche semplicemente mentre parlano.

Perché è importante respirare di diaframma e perché la capacità del diaframma è fondamentale nella nostra postura?
Perché il diaframma nasce dalle vertebre lombari e si estende con forma irregolare a cupola fino alle costole. Come tutti sappiamo, separa la cavità toracica da quella addominale ed il suo principale compito è quello inspiratorio ma pochi sanno che un diaframma retratto (in blocco, con poca capacita di contrazione ed estensione)
crea delle tensioni dalla zona lombare a salire lungo le vertebre dorsali.
Il riequilibrio posturale su Pancafit (metodo Raggi) permette di liberare il diaframma dalle tensioni che lo tengono in retrazione liberando le catene muscolari dalle tensioni conseguenti ad una errata respirazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *