Io oggi: a grandi linee, è andata così!

Nel lontano 1972, nella speranza di aggraziare la mia vivacità, i miei genitori mi fecero studiare danza classica presso la scuola Comini di Padova. Ebbi così la gioia di salire per la prima volta sul palcoscenico di un teatro all’età di 6 anni, e, il primo tra tanti, fu il teatro Verdi di Padova. Fu li che cominciai a guardare come le persone si muovevano.

Cresciuta negli anni e troppo alta per la danza, fui attirata dal mondo della moda e per un brevissimo periodo, camminai sulle passerelle. Ma per quanto luminoso fosse quel mondo ed io giovane, scelsi di diventare mamma e di dedicarmi a mio figlio.

Nel 1989, a 23 anni iniziò la mia carriera nel mondo del fitness: quando ancora nessuno sapeva esattamente cosa fosse l’aerobica, mi accorsi che stava nascendo un mondo che univa la mia passione per il movimento, il piacere del contatto col pubblico e la necessità di un lavoro che mi offrisse anche tempo libero per la famiglia. Iniziai pian piano e poi nell’arco di qualche anno diedi vita ad un centro dove proponevo con audacia, innovazione e professionalità, tutte le sfaccettature del fitness. Mi dedicai anche a quello acquatico con il privilegio di essere parte di un team internazionale sponsorizzato da Speedo International.

Fu nel 1999 che mi accorsi di Pilates, all’epoca conosciuto quasi solo dai danzatori, e nel 2004 fu  con Pancafit â che guarii dalle mie dolorose ernie discali. Questa fu la grande scoperta che portò alla svolta decisiva nella mia vita professionale, catapultandomi alla ricerca dei segreti della postura: la sua importanza legata al benessere psico-fisico, la correlazione col mondo dell’alimentazione, della respirazione e dell’equilibrio.

Sempre più curiosa, negli ultimi anni ho continuato a cercare per conoscere cose nuove e la mia formazione si è arricchita con gli studi di programmazione Neuro-Linguistica, M.C.B., antiaging, Vipassana e massofisioterapia.

Conoscendomi, credo che non sia finita qui.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *