La capacità di un corpo di reagire agli stimoli.

Il nostro corpo si modifica costantemente, istante dopo istante, dal concepimento in avanti, sia attraverso la crescita che attraverso l’invecchiamento, e continua a modificarsi nel tempo, anche dopo la morte. E, oltre allo stato fisiologico di crescita o invecchiamento, reagisce agli stimoli ricevuti così come avviene per esempio ad un atleta che, allenandosi, migliora il suo stato fisico e la sua specifica capacità in base all’allenamento a cui viene sottoposto. Questo è risaputo.

Diversamente, si pensa che il corpo non sia in grado di recuperare una limitazione articolare o una scorretta postura dovuta ad avvenimenti accaduti nel lontano passato. Molti pazienti che decidono di migliorare la propria postura con le sedute di riequilibrio posturale, sono convinti che ciò che è accaduto durante l’infanzia, sia oramai talmente lontano e rimosso da non lasciare più traccia; invece tutto ha importanza, anche vecchi traumi emotivi o vecchie ferite/cicatrici oramai quasi dimenticate.

“La postura è l’espressione del nostro vissuto.” (Daniele Raggi, ideatore del metodo pancafit®)

Quindi è molto importante considerare che, nonostante non si sia più giovani o nonostante sia passato molto tempo da quello specifico avvenimento, si può fare ancora molto di buono perché il nostro corpo reagisce agli stimoli.

A questo punto è importante ACCORGERSI di cosa abbiamo bisogno.

Quando una postura è scorretta, un allenamento che aumenta il tono muscolare sarà solamente causa di un maggior squilibrio posturale, perché nell’esecuzione degli esercizi si terrà una postura scorretta che verrà costantemente consolidata, soprattutto sotto sforzo.

E’ importante quindi sbloccare ciò che è causa della deviazione posturale attraverso la ricerca di ciò che ha creato la deviazione stessa e poi intraprendere in un secondo tempo un allenamento propriocettivo che insegni al corpo a muoversi secondo i nuovi parametri corretti.

In foto, potete vedere un esempio di come inizi a cambiare la postura di questa persona che tanto si è modificata in sole 4 sedute su pancafit® attenuando la curva dorsale troppo accentuata. Proseguiremo questo percorso di riequilibrio posturale finche le curve del rachide torneranno ad avere la giusta armonia e poi inizieremo degli allenamenti specifici ai macchinari Pilates per tonificare la muscolatura mantenendo una postura il più possibile vicina a quella anatomica ideale.

Mai dimenticare che possiamo migliorare se ascoltiamo il nostro corpo e leggiamo i messaggi che ci manda: solo così potremo migliorare la qualità della nostra vita.

Buona vita!

 

Accorgersi #1 – il primo passaggio su Radio Silence 18.09.17

Questo è il primo passaggio radio di Accorgersi: l’inizio di un’avventura che, dal sonoro, si concretizza oggi in uno spazio dedicato alla postura.

Puoi ascoltare il file andato in onda la settimana del 18 settembre 2017.

Buon ascolto!

 

A piede libero, in 6 sedute.

Compriamo le scarpe ai nostri figli quando non sanno camminare e noi le indossiamo tutto il giorno, spesso anche in casa. Compriamo scarpe eleganti, scarpe sportive, scarpe per ballare e scarpe andare al mare; scarpe con il tacco o ballerine che racchiudono il nostro piede e lo obbligano in un ambiente che distorce e stravolge il loro movimento naturale.

Tutto questo si ripercuote sul benessere delle nostre gambe ma anche dell’intera postura.

Perdere la capacità di muovere l’alluce isolato dalle altre dita o di stendere, allargare e chiudere a pugno le dita dei piedi comporta delle conseguenze in tutta la struttura, limitando la mobilità della caviglia e creando delle forti tensioni alla muscolatura. E’ facile pensare quanto tutto questo si ripercuota sul nostro sistema locomotore perché i piedi, oltre a essere una zona erogena vitale per le nostre emozioni, sono fondamentali per la deambulazione e l’equilibrio del nostro corpo.

Per questo ho creato un percorso che si chiama A PIEDE LIBERO: imparerai a muovere le dita dei piedi liberandole dalle tensioni e dai crampi; insegnerò ai tuoi piedi a percepire e a muoversi correttamente; miglioreremo l’allineamento piede-ginocchio-anca. Tutto questo ti porterà tanti benefici tra cui il miglioramento della circolazione sanguigna ma anche della circolazione linfatica (diminuzione della cellulite, muscolatura più definita, pelle più sana) e renderà più equilibrata la tonicità della muscolatura delle gambe e dei glutei. Forse non lo sai…ma dai tuoi piedi dipendendo anche i tuoi glutei e la loro forma.

Se vuoi maggiori informazioni, contattami. E ricorda che camminare (bene) a piedi nudi favorisce la circolazione del sangue nelle nostre gambe, la flessibilità delle nostra ossa, ristabilisce la giusta posizione della colonna vertebrale e, provare per credere, combatte la depressione.

Storie di vita.

Nei giorni passati mi ha cercato un cliente 40enne che partecipò lo scorso anno ai miei corsi di Pilates. Al telefono mi racconta di avere un livello di stress altissimo, ritmi frenetici per i due lavori svolti e di utilizzare ogni istante libero per studiare, essendosi iscritto ad una facoltà con obbligo di frequenza in Trentino. Racconta che il suo maggior problema è un forte dolore alla schiena e in secondo luogo lamenta di non dormire da almeno 6 mesi, se non qualche ora a notte, solo grazie ai sonniferi. Una situazione davvero al limite. In questi mesi ha cercato beneficio con l’agopuntura che però non ebbe alcun successo.

Dopo 3 settimane siamo riusciti a trovare un’ora libera per un appuntamento di Pancafit. Il trattamento era mirato ad abbassare il suo livello di allerta ed insegnargli ad ascoltare le sensazioni del corpo. E’ una persona molto calma ma per carattere e/o abitudine, era solito muoversi con velocità e frenesia esasperati mentre io volevo indurlo ad ascoltare il proprio respiro e le tensioni muscolari.

Oggi è tornato per il secondo trattamento. Mi ha raccontato che dal primo giorno ha dormito dalle 3 alle 7 ore ogni notte senza utilizzare alcun sonnifero. Il dolore alla schiena non l’ha neppure menzionato per cui posso tranquillamente pensare che quella tensione fosse l’ultima espressione di uno stato tensivo davvero esagerato.

Pancafit® Group.

27posturaline continua la sua evoluzione: inizia Pancafit® Group.
Mini gruppi composti da 2 o 3 persone, eseguiranno esercizi su pancafit in base alle esigenze comuni ed esercizi standard per il riequilibrio posturale.
 
Destinato ai RAGAZZI per correggere gli atteggiamenti viziati causati dalle ore trascorse curvi sui banchi di scuola, al pc, sui libri e dal peso degli zaini.
Destinato agli ADULTI che lavorano con posture scorrette e sentono il bisogno di dedicare qualche minuto a se stessi nella ricerca di rilassamento e di un sano equilibrio psico-somatico.
Destinato agli SPORTIVI per ristabilire un equilibrio funzionale dopo una attività fisica, per un giusto assetto della meccanica articolare migliorando il rendimento della performance e riducendo il rischio degli infortuni.
Destinato alle COPPIE che, insieme, vorranno prendersi cura della propria postura, imparando esercizi ed accorgimenti anche per la pratica a casa.

Respirazione diaframmatica

resp_diaf

Posizionate una mano sul petto ed una sulla pancia ed iniziate una respirazione. Se durante la fase di inspirazione non sentirete gonfiare la pancia, probabilmente avete una respirazione alterata.

La causa di una scorretta respirazione è legata allo stile di vita, allo stress, ai problemi affrontati quotidianamente, alle ansie… Tutti fattori che portano a respirare prevalentemente col petto anziché la pancia e a mantenere per tutta la giornata un blocco inspiratorio. Molte persone sono incapaci di buttare fuori l’aria, di svuotare i polmoni e quindi abbassare il costato e, in alcuni, si può notare il respiro corto anche semplicemente mentre parlano.

Perché è importante respirare di diaframma e perché la capacità del diaframma è fondamentale nella nostra postura?
Perché il diaframma nasce dalle vertebre lombari e si estende con forma irregolare a cupola fino alle costole. Come tutti sappiamo, separa la cavità toracica da quella addominale ed il suo principale compito è quello inspiratorio ma pochi sanno che un diaframma retratto (in blocco, con poca capacita di contrazione ed estensione)
crea delle tensioni dalla zona lombare a salire lungo le vertebre dorsali.
Il riequilibrio posturale su Pancafit (metodo Raggi) permette di liberare il diaframma dalle tensioni che lo tengono in retrazione liberando le catene muscolari dalle tensioni conseguenti ad una errata respirazione.